top of page

Spiegazione/Riepilogo del morso di animale

Come descritto nel Codice amministrativo dell'Ohio (OAC 3701-3-28 e OAC 3701-3-29), ogni volta che un individuo viene morso da un cane o da un altro mammifero non umano, deve essere presentato un rapporto da qualsiasi fornitore di assistenza sanitaria, o da qualsiasi medico veterinario abilitato con conoscenza del morso, o dall'individuo morso all'assessore alla ASL. Dopo aver ricevuto un rapporto, il LCHD contatterà il proprietario dell'animale per mettere l'animale in quarantena per almeno un periodo di dieci (10) giorni prima di osservare l'animale coinvolto. Durante questo periodo, l'animale deve essere confinato nei locali del proprietario o può essere tenuto in un canile o in un canile. Durante questo periodo l'animale deve rimanere separato da altri animali o persone a meno che non sia tenuto al guinzaglio. L'animale deve essere osservato almeno dieci giorni dopo l'incidente prima che possa essere rilasciato per assicurarsi che l'animale non avesse la rabbia quando si è verificato il morso. Se l'animale muore prima del termine del periodo di quarantena e di osservazione, il capo dell'animale deve essere presentato al laboratorio di sanità pubblica dell'ODH per l'esame antirabbico.

Il virus della rabbia ha un tasso di mortalità di quasi il 100% una volta che compaiono i sintomi clinici, il che lo rende uno dei più alti tassi di mortalità di qualsiasi malattia. Tuttavia, è prevenibile al 100% negli esseri umani con cure mediche tempestive e appropriate. Secondo il CDC, la rabbia è in costante declino dagli anni '70 grazie al controllo degli animali e ai programmi di vaccinazione. L'ultimo caso umano conosciuto di rabbia nell'Ohio risale al 1970. Sebbene sia ancora una malattia molto grave se contratta, è prevenibile al 100% e i programmi attualmente in uso negli Stati Uniti hanno contribuito a mitigare la trasmissione della malattia.

ODH Rabbia e morsi di animali:

CDC: https://www.cdc.gov/rabies/animals/index.html

bottom of page